Home » Max Giusti e la passione sfrenata per le due ruote: ecco la moto dei suoi sogni

Max Giusti e la passione sfrenata per le due ruote: ecco la moto dei suoi sogni

L’attore e presentatore Max Giusti è innamorato del motocross. Si è immerso nuovamente nella sua passione di quando era adolescente.

Tante volte si pensa che ogni passione abbia il suo tempo, tuttavia non è così per Max Giusti. Ha risvegliato il suo interesse di quando era solo un ragazzino: il motocross. E i risultati ottenuti dalle sue performance confermano la sua predilezione.

moto-da-cross-giornalemotori

Chi si sarebbe mai immaginato l’attore comico, presentatore e doppiatore su una moto da cross? E non parliamo di una moto qualsiasi perché non molto tempo fa ha partecipato al Trofeo Europeo di Motocross d’Epoca con una KTM del 1985.

La sua passione per le moto è nata in tenera età. In un’intervista ha affermato che suo nonno lo teneva sulle ginocchia e gli faceva guidare il camion. Tutto questo quando aveva solamente otto anni e da lì è nato l’amore. E così all’età di cinquant’anni ha deciso di voler tornare bambino nei momenti liberi.

Ammette di essere certamente adulto, ma non vecchio, perciò certi interessi può ancora averli e portarli avanti tornando indietro nel tempo. Max Giusti è di origine marchigiana e suo padre lo portava nella sua regione natale quando era solo un bambino. Era una delle regioni con più piste di tutta l’Italia.

Qual è stata la prima moto di Max Giusti?

L’attore ricorda perfettamente qual è stata la sua prima moto. Si tratta di un Ancillotti 50, aveva all’incirca 13 anni e la moto era più vecchia di lui. L’emozione di salirci sopra era stata impagabile. Ha cominciato a personalizzarla con numeri e adesivi, rendendo il suo sogno realtà.

Ovviamente non è l’unica moto che ha avuto, ha spaziato fra tantissimi modelli differenti. Soprattutto ha posseduto Yamaha, KTM e ATM. La KTM con la quale qualche anno fa ha partecipato al Trofeo Europeo di Motocross d’Epoca era il medesimo modello con cui gareggiava quando non era altro che un ragazzino.

Non era mai arrivato sul podio, ma l’aveva sempre sfiorato. Sarebbe un sogno da realizzare, tuttavia l’attore sa che ora come ora non sarebbe in grado di raggiungere tale risultato. Richiederebbe troppo impegno e l’ultima cosa che desidera è togliere del tempo alla famiglia per dedicarsi a una passione.

motocross-giornalemotori

Max Giusti racconta qual è il ricordo che porta nel cuore nel mondo immenso delle moto. Si tratta sempre del 1985 e aveva un KTM 125. Lui e il team hanno passato tantissimo tempo sul furgone in viaggio. Era l’anno in cui correva il  pilota di F1 Andrea De Cesaris e proprio lui gli regalò una marmitta elaborata per la sua moto.