Home » Auto elettriche e plug in, finalmente arriva la svolta: il super bonus fa sorridere gli italiani

Auto elettriche e plug in, finalmente arriva la svolta: il super bonus fa sorridere gli italiani

Dal 2 novembre coloro che vogliono acquistare un’auto elettrica plug-in potranno finalmente sorridere. In arrivo gli incentivi per l’acquisto.

Di bonus per l’acquisto di auto elettriche o ibride in questi ultimi anni ne abbiamo visti tanti. Nel 2o22 dopo pochi mesi dall’avvio delle agevolazioni, avviene già una modifica dei bonus. I fondi per l’acquisto auto elettriche e ibride non sono terminati in breve tempo come previsto a differenza dei fondi per le endotermiche.

auto-elettrica-giornalemotori

Tantissimi italiani infatti ne hanno approfittato per acquistare un’auto nuova e più amica dell’ambiente, ma non così amica come un’elettrica o ibrida. Infatti per quest’ultime e soprattutto per le plug-in, la richiesta è bassissima.

Ma lo Stato non si arrende, infatti ha già pensato a una nuova soluzione. La quale consta nell’aumentare del 50% il contributo per coloro che acquistano veicoli amici dell’ambiente. Questo vale però solo per chi ha un reddito basso.

Risulta fondamentale effettuare il calcolo dell’ISEE per vedere se si rientra nell’agevolazione. Se prima per l’acquisto di un’auto elettrica si potevano avere fino a 5.000 euro, ora si passa a ben 7.500 euro. Inoltre gli incentivi non risultano solo per i privati ma anche per le società che si occupano di noleggio.

Chi potrà usufruire delle agevolazioni?

Per comprendere chi potrà usufruire del bonus per acquisto di auto elettriche e ibride si deve effettuare il calcolo dell’ISEE. Ci sono differenze sostanziali per chi ha l’ISEE sopra o sotto i 30.000 euro. Infatti, se ci si ritrova sotto questa cifra, le agevolazioni saranno maggiori.

Il bonus può essere richiesto dal 2 novembre in poi. Solo per il 2022 il Governo ha deciso di mettere a disposizione dei cittadini ben 700 milioni di euro. Il denaro messo a disposizione per l’acquisto di auto amiche dell’ambiente è molto e la speranza è quella di riuscire entro il 2035 di convertire il mondo dell’automotive.

Di questo bonus messo a disposizione a partire da novembre  di quest’anno c’è una ripartizione ben dettagliata fra l’acquisto di elettriche, ibride plug-in, termiche, auto commerciali, motocicli, ciclomotori elettrici e gli stessi con motore termico.

auto-ibrida-giornalemotori

Tuttavia, questa decisione non è definitiva. Risulta solamente come un piano per il possibile prossimo futuro. Non è da togliere, infatti, che la musica potrebbe cambiare con lo scorrere dei mesi o degli anni. Proprio come è avvenuto nel 2022 ci potrebbe essere una riformulazione del piano e ripartire diversamente i fondi per il bonus per l’acquisto o il noleggio di auto elettriche o ibride.