Home » Multe, dal primo gennaio la stangata: automobilisti nel panico I Quanto ti costerà in più ogni infrazione

Multe, dal primo gennaio la stangata: automobilisti nel panico I Quanto ti costerà in più ogni infrazione

Attenzione , attenzione ! Pare che  a partire dal 2023, che è praticamente alle porte,  a tutti i rincari- decisamente tosti-  che sono già attualmente in corso, se ne aggiungerà uno nuovo e decisamente parecchio più odioso. Quale? Ma quello delle belle multe, of course!

L’aumento delle multe previsto per il mese  gennaio 2023 potrebbe-  dunque la certezza matematica non c’è-  essere ben del 10%… Ergo, occhio a fare i furbi!

Rincaro multe Giornalemotori.it

L’incremento degli importi delle multe è destinato- udite udite-  ad aumentare ancora una volta dal momento che dal primo gennaio 2023 scatterà l’adeguamento biennale delle sanzioni previsto dal Codice della Strada. Come si calcola l’aumento? Facendo riferimento  al FOI,  che altro non è che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Si tratta di una sorta di  indice elaborato da ISTAT su base mensile.

Aumenti importanti

Il rincaro delle multe è automatico e,  visti i dati dei primi mesi del 2022, si prevede un aumento degli importi assai importante. Da rabbrividire, insomma!  Secondo gli ultimi dati comunicati da ISTAT, l’indice FOI di luglio calcolato esattamente  sull’ultimo biennio, ha visto una crescita del 9,8%. Volendo  ora prendere come riferimento l’ultimo dato disponibile per fare una stima dei possibili rincari, del mese vigente,  la multa per il divieto di sosta passerebbe da 42 a 46 euro, mentre  quella per l’uso del cellulare alla guida da 165 euro a 181 euro . Infine, quella per la violazione di una ZTL,  da 83 a 91 euro.  Insomma, niente male come aumenti, vero?

Rincaro multe Giornalemotori.it

Visto il momento  assi delicato che stiamo tutti quanti vivendo da mesi , ASAPS,  ovvero l’ Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale, ha lanciato un appello affinché questi aumenti vengano bloccati. Giordano Biserni, Presidente ASAPS, ha infatti dichiarato: “Premesso che siamo, ovviamente come sempre, per il rispetto del Codice della Strada e per la legalità, corre l’obbligo di ricordare come oggi, di fronte ad una situazione economica veramente critica, post emergenza Covid, con una situazione terribile per gli aumenti di bollette e prezzi in generale, a causa del conflitto in Ucraina si rischia che le multe rimangano grida manzoniane, perché questi aumenti esaspereranno gli automobilisti e non verranno mai pagate o solo in minima parte, come dimostrato dai cali di incassi del bilancio dello Stato e degli Enti Locali, in materia di riscossione volontaria.” E ora che accadrà? Quel che è più che certo è che le famiglie italiane sono sempre più in difficoltà ad arrivare al fine mese…