Home » Ieri era illegale da ora puoi farlo tranquillamente: finalmente puoi dire addio alla fastidiosa legge

Ieri era illegale da ora puoi farlo tranquillamente: finalmente puoi dire addio alla fastidiosa legge

Oggi vi parliamo nuove e importanti modifiche al Codice della Strada, che sono entrate in vigore da qualche settimana e che dovrete- necessariamente- conoscere alla perfezione per il vostro bene e la vostra sicurezza, oltre che per evitare l’arrivo di multe che – in certi casi- sanno essere pure molto salate!

Per gli automobilisti è sempre fondamentale , oltre che decisamente doveroso, rimanere costantemente e ben  aggiornati riguardo alle nuove norme che- sovente- non sono sempre molto chiare o che non sono da subito riconosciute da chi è alla guida…

novità riguardanti il Codice della Strada
innovazioni Cds Giornalemotori.it

Vi parliamo ora di  nuove e importanti modifiche al Codice della Strada, che sono entrate in vigore da qualche settimana. Si tratta del REVE, istituito con una legge del dicembre 2021. Ma andiamo per gradi: in virtù della Legge 238 autoveicoli, motoveicoli e rimorchi immatricolati all’estero che circolano in Italia dovranno essere iscritti al REVE,  che altro non è che il Pubblico Registro dei veicoli esteri. Una legge- dunque- che riguarda i cittadini stranieri che ottengono la residenza italiana. Costoro  dovranno quindi  ora immatricolare in Italia i veicoli di loro proprietà già immatricolati all’estero.

Dovranno poi  mettersi in regola entro  e non oltre  i tre mesi successivi alla data in cui hanno ottenuto la residenza. I cittadini stranieri residenti all’estero potranno circolare in Italia con veicoli con targa estera per la durata massima di un anno.

Sono anche obbligati a iscrivere il veicolo estero al Reve i cittadini (italiani o stranieri) residenti in Italia, che, a vario titolo, dispongono di veicoli intestati a persone fisiche o giuridiche con residenza/sede in uno Stato estero per un periodo superiore a 30 giorni, anche non continuativi, nell’anno solare. L’obbligo– è doveroso chiarirlo- è a carico di chi utilizza il mezzo.

Il REVE, le registrazioni e tutto ciò che c’è da sapere per non essere sanzionati

Le legge riguarda anche i cosiddetti “frontalieri”. Ma chi sono costoro? Si tratta dei lavoratori subordinati che svolgono la loro attività lavorativa presso un’azienda con sede in uno che confina o che -comunque- è limitrofo con l’Italia e che si muovono su veicoli immatricolati all’estero. La registrazione dovrà essere  necessariamente e obbligatoriamente effettuata entro 60 giorni dalla data di acquisto della proprietà del veicolo. L’obbligo è a carico dell’intestatario del mezzo.

Ma tale  legge   riguarda anche chi si muove su un mezzo in leasing o noleggio. Per costoro, il REVE prevede che a bordo del veicolo si debba avere, oltre al documento di circolazione estero, un documento di data certa – sottoscritto dall’intestatario del veicolo – dal quale risulti a che titolo e per quanto tempo utilizzeranno il veicolo che guidano in quel momento.

novità riguardanti il Codice della Strada
innovazioni Cds Giornalemotori.it

 Ma sono fortemente esclusi dall’obbligo di iscrivere il veicolo estero al REVE alcune categorie, tra cui il personale civile e militare dipendente da pubbliche amministrazioni in servizio all’estero. Più in generale, le forze armate e i familiari delle stesse. Ma ora in molti si chiederanno- come è anche giusto e normale che sia- dove ci si più registrare...

Le registrazioni possono essere effettuate presso lo Sportello Uffici PRA (previa prenotazione) e Sportello Telematico dell’Automobilista (STA). A seguito della registrazione dell’istanza presentata, verrà rilasciata un’attestazione che conterrà la targa estera, un codice identificativo e un QR Cod. Dovrà essere esibita, come impone il Codice della Strada.